27 luglio 2012

Latte di soia [fai da te]


E' nato il [nostro] Riccardo.
Qualcuno ha voluto affidarci un'altra esistenza di cui avere cura e rispetto, 
un'esistenza da guidare pian piano sulla sua strada.

 Ho avuto di nuovo la fortuna di avere un parto naturale, 
nonostante l'immensa fatica rimango sempre misticamente attratta da quel dolore che genera la vita, così intenso da donarti in pochi istanti quello che cerchi da anni: il Qui ed Ora.

Non appena ho sentito il suo primo respiro, ho avuto l'impressione che il resto del mondo si fosse fermato ad ammirare quelle guance piene, che il tempo si fosse dissolto nella profondità di quegli occhi così intensi. 

Il momento interminabile in cui per la prima volta dopo mesi che lo hai sentito dentro di te puoi finalmente accarezzarlo e fargli sentire la tua pelle, rimarrà sempre impresso nella tua memoria. 

E' stato subito amore.

Quell'amore che sai già ti chiederà molti sacrifici, rinunce, notti insonni e pensieri di ogni tipo e ti ripagherà con un grande dono, un progetto da portare avanti tutta una vita, un progetto meraviglioso, come un piccolo seme che vedi germogliare, un seme che può trsformarsi in qualcosa di davvero prezioso...


A te, Riccardo, ti auguro buona vita, una vita fruttuosa come il seme di soia che genera latte!


Mi sono ingegnata a preparare in casa del buon latte vegetale di soia, i latticini mi sono stati vietati perchè causano le coliche al piccolo che sto allattando. 

Fortunatamente ho una ricetta infallibile, la più buona che conosca che è della mia amica Chloè, una vera esperta di cucina naturale con la quale ho un sogno nel cassetto, scrivere con lei un blog a 4 mani... Grazie Chloè per la tua infinita generosità, grazie per le tue parole, è incredibile quanto tu abbia da insegnarmi.


Conosco due metodi per realizzare il latte di soia: 


2) con un semplice frullatore ad immersione

INGREDIENTI:

100 gr di fagioli di soia gialla
1 litro di acqua
1 pizzico di sale
un cucchiaio di zucchero di canna
mezzo cucchiaino di agar agar
un cucchiaino di semi di lino

Mettete a mollo i fagioli di soia in abbondante acqua fredda per una notte. Scolate e lavate i fagioli. 
Aggiungete l'acqua (1 litro), lo zucchero, il sale, i semi di lino e fate bollire 1 ora.
Frullate per 5-8 minuti con un frullatore ad immersione fino a ridurre i fagioli in pezzi piccoli piccoli. 
Ora versate il tutto in una scolapasta ricoperta di un telo di lino (lavato senza ammorbidente) sotto la quale avrete messo un recipiente. 
Lasciate colare e poi quando il composto nel telo si è raffreddato strizzate per bene.
Il composto che è rimasto è l'okara... qui trovate una ricetta che avevo già realizzato, ma credo che scriverò un altro post sull'argomento perchè è molto vasto!
Ora prendete il latte prodotto e aggiungete il mezzo cucchiaino di agar agar e mescolate (questo lo renderà più denso e corposo, ma se non l'avete fate senza). Lasciate in frigor in una bottiglia di vetro e consumate entro 3 o 4 giorni al massimo.